Formaggio Montasio DOP “Prodotto della Montagna”

La pasta del Montasio è dura e compatta, con una caratteristica occhiatura. Il Montasio ha un profumo delicato, lievemente erbaceo, latteo nel prodotto fresco, più intenso e aromatico da invecchiato. Il sapore è dolce e si presta quale ottimo formaggio da tavola abbinato a verdure crude o cotte; se invecchiato il prodotto acquisisce gradevoli note piccanti.

Il Montasio è un formaggio DOP (Denominazione Origine Protetta) ed è tutelato dal Consorzio appositamente creato per salvaguardarne la genuinità e l’originalità; il formaggio prodotto da Lattebusche è contraddistinto dalla sigla BL 502.

Il formaggio Montasio DOP Lattebusche può vantare inoltre la denominazione “Prodotto della Montagna“, in quanto la zona di origine del latte con cui viene realizzato, così come la sede di produzione e di stagionatura, si trovano in Comuni montani. Oltre che dal disco, il Montasio DOP “Prodotto della Montagna” Lattebusche è riconoscibile dalle iniziali “PDM” impresse sullo scalzo, in prossimità del codice identificativo dello stabilimento “BL 502”.

 

PASTA
MOLLE DURA
SAPORE
DELICATO INTENSO
STAGIONATURA
BREVE LUNGA

Latte vaccino, sale, caglio. Crosta non edibile.

Valori nutrizionali medi su 100 g di prodotto
Energia (kJ) 1644
Energia (kcal) 396
Grassi (g) 32
di cui grassi saturi (g) 24
Proteine (g) 26
Sale (g) 1,9
  • Mezza forma
    Mezza forma
  • Forma intera
    Forma intera
  • 1500 gr c.a.
    1500 gr c.a.
  • 300 gr
    300 gr
  • Modalità di conservazione
    Modalità di conservazione Da 2 a 14 °C
  • Stabilimento di produzione
    Stabilimento di produzione Busche
  • Origine del latte
    Origine del latte Italia

Scopri le ricette con Formaggio Montasio DOP “Prodotto della Montagna”

Caricamento

Scopri gli altri prodotti della linea

  • Asiago-Fresco-DOP-20gg-Lattebusche

    Asiago Fresco DOP 20gg

  • Asiago-DOP-Crosta-Nera-Forma-Intera-1000x1000

    Asiago Fresco DOP Crosta Nera

  • asiago-DOP-fresco

    Asiago DOP Fresco

  • Formaggio Montasio DOP “Prodotto della Montagna”